Un viaggio nei colori dell’oro

Reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore Upta pratur aut ium re, ommo endaercidem

Un viaggio nei colori dell’oro

oro_bianco_giallo_rosso

Diamo uno sguardo al mondo dell’oro, alle sue sfumature e ai gioielli in oro giallo, bianco, rosa.

Se c’è un metallo che da solo incarna l’essenza del lusso, della ricchezza e del prestigio, è l’oro, richiestissimo in gioielleria oggi come un tempo. Le sfumature di questo metallo hanno affascinato nei millenni regine e re, imperatori e nobili; oggi la sua luce illumina fedi nuziali, anelli, bracciali, collane e mille altri preziosi. L’oro esiste in varie leghe con diversi colori, ognuna con il suo fascino e le sue applicazioni, caratteristiche uniche che chi desidera acquistare un prezioso potrebbe non conoscere completamente.

Scopriamo insieme i segreti di questo elemento unico.

Oro e altri metalli: le leghe

L’oro puro è molto duttile e malleabile e, per non risultare troppo fragile durante la lavorazione, deve essere legato ad altri metalli. La lega di oro e altri elementi risulta molto più rigida e facile da lavorare per creare preziosi anche molto elaborati.
Tra le varie leghe di oro utilizzate in gioielleria troviamo:

  • oro giallo: 75% oro, 12-7% di argento e 13-18% di rame
  • oro rosa: 75% oro, 6,5-5% di argento e 18,5-20% di rame
  • oro bianco: 75% oro, 25% nichel, argento o palladio

 

Oro giallo: il sole

I gioielli in oro giallo hanno una tinta molto simile a quella del metallo puro: questa lega è quella usata solitamente per le fedi nuziali.
L’oro giallo infatti non rischia di vedere il proprio colore rovinato e dura una vita, ben rappresentando il significato simbolico della fede nuziale. Anelli realizzati in altre leghe d’oro, invece, richiedono maggiori attenzioni quando sono quotidianamente a contatto con la pelle.
Il suo colore unico riesce a valorizzare splendidamente le pietre di colore.

Oro rosa: la fiamma

I gioielli in oro rosa, grazie alla maggiore quantità di rame, creano riflessi che riportano alla mente il colore di una fiamma viva.
Anche l’oro rosa è apprezzato quanto l’oro giallo per la realizzazione di preziosi da indossare tutti i giorni, per esaltare i colori delle pietre colorate e per le fedi nuziali. Questa lega d’oro, infatti, offre un’ottima resistenza all’uso e riflette splendidamente la luce senza aver bisogno di processi come la rodiatura.
Questa particolare tonalità è diventata molto richiesta negli ultimi anni e lavorata sapientemente da orafi come Fope, Leo Pizzo e Giorgio Visconti.

Oro bianco: la luna

I preziosi realizzati in oro bianco donano una tinta lieve come la luce lunare. Il colore bianco brillante della lega nasce, oltre che dalla presenza di argento e palladio, dal trattamento di rodiatura, dove un sottile strato di rodio (un metallo bianco-argenteo) viene depositato sulla lega. Grazie alla tinta del rodio l’oro bianco è il preferito dagli orafi per creare gioielli con incastonate gemme come i diamanti, poiché è perfetto per valorizzare la luce e i riflessi di queste pietre.
Per sua stessa natura la rodiatura necessita di una manutenzione periodica, per mantenerne splendenti la luce e il colore.
Consiglio sempre di affidarsi ad artigiani fidati a chi desidera acquistare un gioiello in oro bianco, poiché la rodiatura dell’oro è un processo che va eseguito con la dovuta competenza.

Ogni colore dell’oro dona una personalità diversa ai preziosi, ogni tinta valorizza in modo unico la bellezza e lo stile di chi la indossa: venite a trovarci nella nostra Gioielleria di San Donà di Piave (VE) saremo felici di mostrarvi le nostre collezioni di gioielli in oro ed aiutarvi a trovare la sfumatura più adatta alla vostra personalità.